Giallo

Venerdì 12 maggio 

GIALLO  Oro, Sole, Luce, Energia



17:00
Apertura Esposizioni
La giornata verrà presentata da Pino Gagliardi, giornalista e conduttore, e da Cristina Caruso, giornalista del Tg 2.



17:30
Ci introdurrà al giallo la Dottoressa Isabella Salvagni, storica dell’architettura, che ci porterà tra ‘500 e ‘600 presentando il suo libro “Il destino manifesto: gli Aldobrandini di Clemente VIII e la Minerva”.

Se il barocco è da sempre considerato espressione di magnificentia, evocata da ridondanti architetture permeate dalla luce, movimentate dalla scomposizione e ricomposizione degli elementi classici e intrise di pregiate opere d’arte, l’anticamera di un momento artistico divenuto sinonimo per antonomasia di splendore ed eccesso è ben rappresentata nel pontificato di Clemente VIII Aldobrandini, durante il quale, al volgere del ‘500, si attua un significativo passaggio. E il pontefice utilizzerà tale magnificentia per legittimare il proprio potere come frutto e usufrutto di un’investitura divina. Nella cappella Aldobrandini in Santa Maria sopra Minerva, voluta dal papa, l’arte si fa portavoce di tale messaggio, veicolato attraverso un’opera grandiosa che ha il compito di illustrare al visitatore le ragioni dell’assunzione alle massime onorificenze mondane di una famiglia comune. Storia dipanata attraverso un duplice registro di lettura a noi restituito dalla statuaria, dagli affreschi e dall’apparato decorativo lapideo, incrostato di marmi preziosi, che snocciola un racconto manifesto, celando allo stesso tempo un significato ermetico e misterioso. Magnificentia di una illustre casata destinata a infrangersi contro un destino curioso, che, nell’alternanza di favorevole e avversa fortuna, avrebbe cumulato in pochi decenni gloria, potere e ricchezza, non riuscendo tuttavia a godere a lungo della propria ricompensa terrena: in un incalzare tumultuoso di eventi luttuosi, gli Aldobrandini si estingueranno nel breve volgere di tre sole generazioni.



18:00
Performance dell’attrice Elena Costa Prima Parte.



18:30
Proseguiremo sulle note di “Jaune: l’or de France, musica e danza alla corte del Re Sole”, concerto di musica barocca a cura dell’Associazione Schola Palatina e realizzato dall’ensemble “La Vertuosa Compagnia de’ Musici di Roma”. Sulle stesse note danzerà la compagnia “Teatro della Memoria”, coreografati da Claudia Celi, danzatrice e studiosa di danza storica che chiamerà il pubblico ad interagire e scatenarsi in un gioco di corte.

Lo splendore dell’Oro alla corte del Re Sole: la Musica e la Danza barocca francese tornano ad incantare con l’eleganza suggestiva e la raffinatezza luminosa del Grand Siècle: un evento che coinvolge anche il pubblico, protagonista e partecipe di un “Grand Bal”, insieme ai musicisti della “Vertuosa Compagnia de’ Musici di Roma” e ai danzatori del “Teatro della Memoria” .
Il giallo dell’oro domina la scena del palazzo e dei giardini di Versailles, teatri dell’immaginario e luoghi ideali di una splendente utopia: musica e danza rappresentano e veicolano il “bene” attraverso il “bello” per volontà di un sovrano che, egli stesso musico e danzatore raffinato, impone alla sua corte l’impronta etica ed estetica di una nobiltà  perfetta, modellata sull’immagine eliocentrica della monarchia. L’evento presenta una raccolta di musiche e danze dal vivo, tratte dai repertori degli spettacoli e delle feste di corte: le musiche del grande Lully e dei Maestri “ordinaires de la chambre du Roi” come Campra e Marais; le danze con le coreografie originali documentate da Feuillet.



20:00
Il giallo prenderà vita nelle mani degli Hairstylist del gruppo artistico di Intercoiffure Italia. Vedremo la creazione di acconciature suggestive ed eccentriche che evocheranno la magnificenza e l’assurdo di Luigi XIV e la sua corte.
I giovani stilisti dell’Accademia del Lusso di Roma, presenteranno una luminosa capsule collection di abiti ispirati dal fascino dirompente del giallo.



21:00
Performance dell’attrice Elena Costa Seconda Parte.



22:00
Giulia Ananìa presenta in concerto l’album “Come l’oro”.
Lo spettacolo di “Come l’oro” ritorna sotto forma di evento speciale a ingresso gratuito per i fan e il pubblico di Roma per celebrare l’uscita dell’album già accolto dalla critica come “album salvifico per la musica d’autore italiana” (http://bit.ly/albumGiuliaAnanìa).

L’album dal vivo è più che un live, è un vero e proprio spettacolo, è un concerto intrecciato alle arti visive e alla street poetry, ricco di grandi ospiti e sorprese.

Venerdì 12 maggio ad arricchire il tutto, nella suggestiva location del Macro Testaccio, numerosi ospiti a sorpresa e l’opera realizzata dallo street artist Daniele Tozzi (Mister Pepsy) ispirata all’album “Come L’oro”.

Con Giulia un consolidato gruppo di straordinari musicisti: Felice Zaccheo, Stefania Nanni, Filippo Schininà, Gian Maria Camponeschi, Stefano 66 K De Angelis e l’attore Michele Botrugno.